Programma


Il pro­gram­ma dei XII Incon­tri di Bienne del 16 – 17 feb­braio 2019 : Incon­tri di Bienne 2019 (ulti­mo aggior­na­men­to 05.02.19)

La man­i­fes­tazione serale aper­ta al pub­bli­co del 16 feb­braio 2019 si ter­rà alle 18.30 al Teatro munic­i­pale di Bienne (TOBS). La let­tura delle creazioni let­ter­arie degli Incon­tri di Bienne sarà accom­pa­g­na­ta dall’acclamato pianista Lucas Buclin. Ver­rà offer­to un aper­i­ti­vo.

***

For­mati degli ate­lier

Gli Incon­tri di Bienne offrono una piattafor­ma di scam­bio e dis­cus­sione intorno a testi in divenire nelle tre lingue nazion­ali : tedesco, francese e ital­iano. Ogni anno viene pro­pos­to ai parte­ci­pan­ti[1] un pro­gram­ma che com­bi­na ate­lier di for­mati dif­fer­en­ti :

For­ma­to I : Ate­lier di testo/​i

Durante l’ate­lier di testo/​i i parte­ci­pan­ti dis­cu­tono da uno a tre testi inedi­ti in pre­sen­za dei loro autori. Essi ricevono così dei com­men­ti pre­cisi sulle impres­sioni di questi let­tori priv­i­le­giati men­tre i parte­ci­pan­ti approf­ittano del­lo scam­bio per nutrire la loro prat­i­ca di scrit­tura per­son­ale.

For­ma­to II : Ate­lier di traduzione I

All’interno dell’ate­lier di traduzione le dis­cus­sioni por­tano sulle traduzioni elab­o­rate dai parte­ci­pan­ti a par­tire da un testo ined­i­to in preparazione agli incon­tri. Le dif­fer­en­ti let­ture del testo così come i diver­si approc­ci ven­gono dis­cus­si e parag­o­nati in pre­sen­za dell’autore.

For­ma­to III : Ate­lier di traduzione II

L’ate­lier di traduzione II ha lo scopo di far conoscere gli autori di una deter­mi­na­ta regione svizzera alle altre regioni lin­guis­tiche. L’atelier pro­pone di dedi­car­si alle traduzioni elab­o­rate dai parte­ci­pan­ti a par­tire da un testo già pub­bli­ca­to nelle altre lingue svizzere in preparazione agli ate­lier.

For­ma­to IV : Traduzione sper­i­men­tale

La traduzione sper­i­men­tale pro­pone ai parte­ci­pan­ti di cimen­ta­r­si nel­la traduzione di un testo invi­tan­doli ad uscire dalle pratiche “con­ven­zion­ali” del­la traduzione. Più che giun­gere ad una “buona” traduzione del testo pro­pos­to, questo ate­lier si pro­pone di esplo­rare l’avvicinamento di un testo tramite la traduzione e le dis­cus­sioni vive e dif­feren­zi­ate ch’essa sus­ci­ta. Il testo sarà comu­ni­ca­to in anticipo ai parte­ci­pan­ti.

For­ma­to V : Ate­lier di scrit­tura

Il for­ma­to ate­lier di scrit­tura giunge quest’anno alla sua sec­on­da edi­zione. Durante questo ate­lier, si trat­ta di pro­durre uno o più testi sul pos­to. Sot­to­pos­to a deter­mi­nate con­dizioni o restrizioni, viene esplorato il proces­so di scrit­tura che si svolge sin­go­lar­mente o in col­let­ti­vo.

For­ma­to VI : Traduzione col­let­ti­va

Durante l’atelier di traduzione col­let­ti­va i parte­ci­pan­ti tra­ducono un testo (gen­eral­mente una poe­sia) a più mani. Il testo viene comu­ni­ca­to ai parte­ci­pan­ti sul momen­to.

For­ma­to VII : Ate­lier tem­ati­co L’atelier tem­ati­co si pro­pone di dis­cutere di un tema speci­fi­co in relazione all’attività di scrit­tura in gen­erale oppure di riflet­tere su un aspet­to par­ti­co­lare di un testo let­ter­ario basan­dosi sui testi inviati dai parte­ci­pan­ti.

Indi­etro


[1] Le for­mu­lazioni al maschile van­no intese come com­pren­sive del fem­minile e del maschile. Abbi­amo rin­un­ci­a­to alla for­ma esten­si­va per con­sen­tire una let­tura più scor­rev­ole del testo.